... and more · Fashion

Goodbye, Mrs. Di Camerino

La storia di Roberta Di Camerino (Giuliana Coen Camerino) è la storia di una donna che nel corso dei suoi 90 anni non si è fatta fermare neanche dalla guerra. Anzi, è proprio durante le persecuzioni razziali, che la costrinsero a lasciare la sua Venezia per rifugiarsi in Svizzera, che nacque quella che poi è diventata la prima it-bag della storia, la borsa Bagonghi:
Tornata a Venezia, Giuliana creò la sua casa di moda, dedicandola alla figlia Roberta (un particolare che non conoscevo è che il laboratorio si trovava in un istituto di rieducazione, e che quindi la signora Di Camerino è stata una promotrice del lavoro come mezzo di reinserimento per le persone emarginate). Da allora la cintura intrecciata a formare una R, simbolo dell’azienda, e Giuliana è diventata per tutti Roberta di Camerino. I suoi abiti e accessori caratterizzati da stampe trompe-l’oeil hanno fatto il giro del mondo, e di sicuro, anche adesso che lei si è spenta, continueranno far parlare di sé ancora per molto.
Le persone di grande gusto creatività trovano sempre il modo di lasciare la loro impronta nel mondo.
Per sempre.

Roberta Di Camerino

Roberta Di Camerino2
Advertisements

7 thoughts on “Goodbye, Mrs. Di Camerino

  1. Non conoscevo i particolari della vita di questa designer e sono rimasta molto colpita soprattutto dal dettaglio della casa di rieducazione.Pero' la Bagonghi la conoscevo… e l'ho sempre trovata semplicemente stupenda.RIP Giuliana.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...