Un giardino di vetro… fuso!

Sapevamo che non poteva durare: l’estate ad aprile non è mai destinata a durare. 
Eppure quanto ci ha rinfrancati, in questi giorni!
Un po’ di avevamo creduto, avevamo sperato di arrivare fino a settembre senza nuvole all’orizzonte. 
Adesso: temperature calate di molti gradi e cielo grigio. 
Ma c’è un posto dove è rimasto tutto immutato. 
Il giardino (di vetro, ovviamente) della cara Daniela Poletti Zino di Vetrofuso
Mi ha inviato queste foto qualche giorno fa, 
e voglio mostrarle anche a voi. 
Perché la primavera rimanga immutata nei nostri cuori, in attesa che torni a splendere anche sulla nostra pelle.

6 commenti su “Un giardino di vetro… fuso!”

  1. Effettivamente il caldo estivo non lo rimpiango neanch'io (anche se ho visto un sacco di gente in tenuta da mare lo scorso fine settimana e, secondo me, era un po' eccessivo svestirsi così, perché comunque l'arietta era frizzantina!), ma la luce… datemi un po' di luce, per favore!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Noi e i nostri partner pubblicitari selezionati possiamo archiviare e/o accedere alle informazioni sul tuo dispositivo, come i cookie, identificatori unici, dati di navigazione. Puoi sempre scegliere gli scopi specifici legati al profilo accedendo al pannello delle preferenze pubblicitarie, e puoi sempre revocare il tuo consenso in qualsiasi momento facendo clic su "Gestisci consenso" in fondo alla pagina.

Elenco di alcune possibili autorizzazioni pubblicitarie:

Puoi consultare: la nostra lista di partner pubblicitari, la Cookie Policy e la Privacy Policy.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
Torna in alto